We use cookies to improve your online experience. For information on the cookies we use and for details on how we process your personal information, please see our cookie policy . By continuing to use our website you consent to us using cookies.
FUKUI
  • TOKYO
  • FUKUI

TIMELESS ARTISTRY

Appena giungi a Tokyo scopri le Trentasei vedute del Monte Fuji, capolavoro di tecnica ukiyo-e del leggendario Hokusai in esposizione al Museo Hokusai di Sumida, il grande quartiere in cui l'artista nacque, poi visita il tempio Eiheiji, sacro sito storico di oltre settecento anni situato subito fuori Fukui ove ancora si pratica l'ascetismo buddista, che qui anche al normale visitatore è concesso intravedere. Un viaggio più a sfondo culturale all'insegna dell'animo e dello spirito del Giappone più vero.

Official Tokyo Travel Guide
https://www.gotokyo.org/it/

Local government official website
https://www.fuku-e.com/lang/english/

I viaggiatori

  • Traveled : October,2018 Estelle Loiseau
    Travel blogger
    Risiede a
  • Traveled : October,2018 Denis Medina
    Scrittore
    Risiede a Tokyo
    Paese d'origine: Francia

Aeroporto di Parigi Charles de Gaulle

JAL046 Come arrivare dal tuo paese

  • Estelle Loiseau

    Il volo JAL da Parigi CDG a Tokyo Haneda è partito di sera sul presto. È un volo notturno ideale per poter arrivare a Tokyo a metà pomeriggio. A bordo dell’aereo il personale era attento e premuroso. Tutto è andato per il meglio. I pasti serviti a bordo erano molto buoni. I sedili e lo spazio per ciascun passeggero erano comodi. L’aeroporto di Haneda è ben posizionato, si raggiunge Tokyo molto velocemente.

Aeroporto internazionale di Tokyomore

Aeroporto internazionale di Tokyo

Uno dei principali punti di accesso a Tokyo, conta diverse strutture commerciali e dalla piattaforma panoramica all'ultimo piano del terminal passeggeri, accessibile anche a chi non deve volare, si domina l'intera baia di Tokyo.

Area metropolitana di Tokyo

Primo giorno

TOKYO

Museo Hokusai (Sumida)more

DESTINAZIONI RACCOMANDATE

Museo Hokusai (Sumida)

Katsushika Hokusai, artista giapponese rinomato in tutto il mondo, nacque proprio lungo la Hokusai, via importante dell'attuale distretto di Sumida, e nei circa novanta anni di vita, una rarità per l'epoca, creò un numero elevatissimo di opere d'arte.
Alcune esposizioni a tema e i programmi educativi del museo si prefiggono soprattutto d'illustrare il rapporto tra Hokusai e la zona di Sumida in cui viveva.

  • Estelle Loiseau

    Aperto 2 anni fa nel distretto di Ryogoku, il museo è dedicato a uno dei pittori giapponesi più famosi: Katsushika Hokusai. Il museo a quattro piani è stato progettato da Sejima Kazuyo, uno dei fondatori dello studio di architettura giapponese SANAA. La mostra permanente al 4° piano è un viaggio in un posto calmo e meraviglioso, in cui sono presenti bellissime stampe e informazioni su Hokusai e i suoi discepoli. Abbiamo visto una mostra temporanea sui ponti nelle opere di Hokusai.

    Non lontano dal museo, nella stazione di Ryogoku, il complesso Ryogoku Edo Noren richiama l’atmosfera dell’era Edo. Ci sono caffè, bar, ristoranti e persino un’arena del sumo. Abbiamo mangiato nel ristorante Tsukishima Monja Moheji la cui specialità è il monjayaki, un piatto tipico di Tokyo. Gli ingredienti (cavolo, carote, verdure, carne, pesce, gamberetti, mochi, formaggio... sei tu a scegliere!) sono tagliati finemente e sono mischiati con l’impasto, il tutto viene fritto sulla piastra calda posizionata al centro del tavolo (teppan).

  • Denis Medina

    Questa era la mia prima visita ad un museo dedicato alle opere di questo famoso pittore giapponese del periodo Edo.
    Si trova nel distretto di Ryogoku, conosciuto per il Kokugikan e per il Museo Edo. Le sorprese cominciano non appena si inizia a percorrere la strada quando si vede un edificio dalla forma affascinante. Dentro gli interni particolarmente luminosi, ci sono varie gallerie di dimensioni appropriate che non richiedono troppo tempo. Le spiegazioni sono disponibili in giapponese e inglese. È stata una piacevole scoperta ed un immenso piacere immergermi in queste atmosfere perenni che ricordano come era il Giappone durante l’isolamento totale dai paesi stranieri.

    Un centro commerciale ispirato dalla città di Edo che comprende ristoranti e una arena di sumo al centro della struttura. L’atmosfera del ristorante era eccellente e il monjayaki veniva cucinato direttamente sul tavolo.

Treno locale JR della linea Sobu
Stazioni di Ryogoku --> Asakusabashi
(1 minuto, 140 yen)

Linea Toei Asakusa
Stazioni di Asakusabashi --> Asakusa
(2 minuti, 180 yen)

  • Estelle Loiseau

    Il distretto di Asakusa rimane un distretto storico con case basse e vecchi negozi, ma con un’aggiunta di modernità data dalla costruzione della Skytree Tower e di ampie strade. Sentiti libero di visitare l’ufficio informazioni turistiche all’ultimo piano, la vista è mozzafiato!

    Senso-ji è il tempio più antico della capitale dedicato a Kannon. Rappresenta un luogo di preghiera per i pellegrini e per i lottatori di sumo che vengono qui a pregare prima dei loro combattimenti. C’è molta gente, ma è l’unico modo per visitare il tempio. Anche se conosco molto bene questa zona, è sempre un piacere visitarla.

  • Denis Medina

    Ad Asakusa si possono trovare dei negozi che vendono cibi giapponesi realizzati in materiale composito, quelli che si trovano nelle vetrine dei ristoranti. È bello sapere che ci sono negozi che offrono repliche a prezzi variabili.
    Prima di iniziare la visita del distretto, vale la pena salire in cima all’edificio dell’ufficio informazioni turistiche, giusto di fronte a Kaminarimon, per godere di una vista totale di Asakusa.

    Dopo il pranzo, ci siamo spostati verso il famoso distretto di Asakusa. Mi è piaciuto molto per le sue vivaci strade con un’atmosfera retrò. L’attrazione principale è il famoso tempio buddista Senso-ji, dedicato alla dea Kannon. Le dimensioni dei vari edifici e il loro colore rosso luminoso sono impressionanti.

Crociera a Tokyo sul fiume Sumidagawamore

Crociera a Tokyo sul fiume Sumidagawa

Quaranta minuti di navigazione sul fiume Sumidagawa, praticamente nel centro di Tokyo! Solo così è possibile vedere appieno i dodici ponti che collegano le due rive tra Asakusa e il molo Hinode, compresi quelli più pittoreschi di Azuma e Kiyosu. La crociera è accompagnata da una cronaca in diretta sui siti più importanti e i luoghi di maggior interesse storico della città, e prestando attenzione al panorama della baia di Tokyo che muta dinamicamente aspetto è possibile avvertire certe emozioni ispirate a quello che ancora rimane del periodo di Edo in contrasto con il paesaggio moderno.

  • Estelle Loiseau

    Questa crociera di un’ora da Asakusa a Odaiba a bordo della nave futuristica progettata da un designer giapponese, permette di vedere Tokyo da una prospettiva differente, quella dal fiume Sumida. A bordo della nave ci sono tutti i comfort per godersi questo momento: bar.

  • Denis Medina

    Mi sono imbarcato sulla Hotaluna, un’imbarcazione il cui design trae spunto da un famoso disegnatore di manga giapponese. L’imbarcazione collega Asakusa a Odaiba, ma percorre anche il fiume Sumida e la baia di Tokyo. Di sicuro è molto interessante per quelle persone che desiderano osservare Tokyo da un’angolazione differente, e godersi il panorama a bordo di una nave.

Yurikamome
Stazione di Odaiba-kaihinkoen --> Shinbashi
(13 minuti, 320 yen)

Stazioni di Shinbashi --> Uchisaiwaicho
(5 minuti)

Linea Toei Mita
Stazioni di Uchisaiwaicho --> Shirokanedai
(11 minuti, 220 yen)

Happo-en: Enjumore

Happo-en: Enju

Enju è un rinomato ristorante con abbinato ampio giardino di stile giapponese facente parte del complesso nuziale Happo-en. La sua cucina kaiseki, il menu tradizionale giapponese costituito da una moltitudine di piattini individuali, viene servita in modo del tutto originale sulla base della stagione e più in particolare del mese dell'anno. Oltre ai sapori di stagione in sé valorizzati al massimo della propria squisitezza, la loro presentazione con lo sfondo dello splendido giardino tipicamente giapponese è un delizioso appagamento anche della vista.

  • Estelle Loiseau

    Anche di notte abbiamo potuto goderci questo giardino grazie alla splendida illuminazione. Un grazioso laghetto, bellissime case tradizionali, vecchi bonsai, alberi di acero e di ciliegio: il mix perfetto per un tipico giardino giapponese. Spero un giorno di poter visitare questo giardino alla luce del sole!

    Abbiamo cenato al ristorante Enjyu, nel giardino Happo-En. Dalle grandi finestre che danno sul romantico giardino è possibile godere di una vista incantevole mentre si assapora l’eccellente cucina giapponese servita in bellissimi piatti. Una splendida ambientazione per una serata svoltasi per il meglio!

  • Denis Medina

    Il giardino giapponese Happo-en è meraviglioso di notte grazie alla sua splendida illuminazione. È presente anche una bellissima collezione di bonsai, alcuni dei quali sono centenari!

    Durante la serata ci sono stati serviti piatti giapponesi. Davvero delizioso. La cosa che mi ha colpito di più è stata quella di poter osservare il giardino mentre degustavo piatti raffinati.

Hotel Shinagawa Prince

  • Estelle Loiseau

    L’hotel Shinagawa Prince è dotato di tutti i comfort necessari e ciascuna camera offre una meravigliosa vista di Tokyo. L’hotel si trova vicino la stazione Shinagawa, da dove è possibile prendere lo Shinkansen, il treno giapponese ad alta velocità o la linea Yamamote. Nell’edificio secondario che ho usato, la colazione a buffet includeva piatti della cucina giapponese e occidentale in un’atmosfera raffinata.

  • Denis Medina

    La stanza era pulita e comoda. La vista di Tokyo di notte dall’hotel lascia senza fiato. La colazione, a propria scelta, viene servita in uno dei vari ristoranti del complesso. Ho scelto il buffet in modo da poter mangiare quello che mi piaceva nelle quantità che volevo.

Secondo giorno

HOKURIKU(FUKUI)

Aeroporto internazionale di Tokyo

JAL (JAL Japan Explorer Pass) Dettagli

  • Estelle Loiseau

    Il volo interno Tokyo Haneda - Komatsu dura solo un’ora ed è molto comodo per viaggiare nella Prefettura di Fukui. A bordo, il servizio e i comfort offerti dalla Japan Airlines non tradiscono le aspettative: assistenti di volo cortesi e discreti, sedili confortevoli. L’aereo è partito in orario.

  • Denis Medina

    Il volo è stato piacevole ed è partito in orario. I membri dell’equipaggio erano tutti sorridenti, è stato piacevole. Dopo il decollo ci è stato offerto un drink. Abbiamo raggiunto la nostra destinazione in meno di 50 minuti dove siamo stati accolti con un caloroso benvenuto.

Aeroporto di Komatsu

  • Estelle Loiseau

    Il ristorante Hatsumi Zushi Honten, nella città di Fukui, è rinomato per il sushi, un piatto comune nella regione data la vicinanza geografica al mare del Giappone. Una volta dietro il noren, ci siamo seduti al lungo bancone per goderci il sushi che veniva preparato di fronte a noi dallo chef specialista in sushi. Siamo andati dietro il bancone per imparare a fare il maki, poi abbiamo avuto il privilegio di andare in cucina per vedere come lo chef preparava il brodo per la zuppa, buona e anche bella a vedere.

    Siamo stati accolti dal direttore della micro distilleria della famiglia Kubota, l’11° della sua generazione. La distilleria presenta due caratteristiche particolari: coltivano il riso e producono il loro sake utilizzando acqua pompata da 200 metri di profondità. Una volta completata la visita in cui ci è stato spiegato l’intero processo di produzione del sake, abbiamo assaggiato i vari tipi di sake prodotti dalla distilleria.

  • Denis Medina

    Siamo stati invitati a pranzare nel ristorante dell’hotel Hatsumi Sushi, un bellissimo e autentico ristorante di famiglia con un delizioso menu di sushi. Dopo il pranzo, lo chef ci ha invitati dietro il bancone per vedere come si fanno i maki roll prima che ci cimentassimo noi stessi a prepararli. Ci ha anche invitati in cucina per mostrarci come viene preparato il brodo fatto in casa che accompagna la degustazione del maki. Il pranzo è stato molto piacevole grazie al personale che ci ha accolto molto calorosamente.

    La distilleria di sake Kubota a Fukui è attiva dall’era Edo. Ci hanno spiegato i vari processi di preparazione del sake e ci hanno svelato alcuni segreti sul sapore speciale del sake della distilleria Kubota. Dopo la visita c’è stata una degustazione all’interno del negozio.

Autobus gratuito KANAZAWARA
Aeroporto di Komatsu --> Stazione JR di Awaraonsen
Circa 45 minuti

*Normalmente solo nei giorni feriali (si raccomanda di verificare anticipatamente eventuali cancellazioni)

Autobus della linea Keifuku
#85 Tojinbo Line for Mikuni Kanko Hotel-mae
Stazione JR di Awaraonsen --> Tojinbo
Circa 45 minuti

Tojinbomore

Tojinbo

Con le sue scogliere frastagliate costantemente battute dalle onde e che si estendono per circa un chilometro lungo la costa di Mikuni, Tojinbo è uno degli spettacoli naturali più pittoreschi della zona.
Chiamate giunti colonnari, queste formazioni di andesite di pirosseno sono piuttosto rare, tanto che sembrano esistere solo in tre luoghi al mondo — uno di questi, appunto, è Tojinbo — e per questo in Giappone sono state dichiarate monumento naturale.
Particolarmente affascinante è la vista dalla torre di Tojinbo a 55 metri di altezza, oppure dai battelli turistici specializzati in questo tipo di osservazione.

  • Estelle Loiseau

    Questo era il luogo nella regione di Fukui che dovevo vedere assolutamente. Non sono rimasta delusa. Il luogo è meraviglioso: scogliere in successione a strapiombo sul mare del Giappone alte più di 1 km. Un paesaggio naturale piuttosto raro in quanto le rocce in basalto sono molto geometriche. Abbiamo osservato il paesaggio fino al tramonto, momento in cui a molti giapponesi piace riunirsi qui.

  • Denis Medina

    La disposizione delle colonne in basalto con le loro forme geometriche crea un paesaggio affascinante. Semplicemente un posto incredibile dove mi sono goduto il tramonto. In effetti, questo luogo è rinomato per i tramonti. La luce del tramonto che accarezza le rocce e la ripida costiera è ideale per chi desidera catturare questi momenti in bellissime foto.

Autobus della linea Keifuku
N. 84 della linea Tojinbo per la stazione di Awaraonsen
Tojinbo --> Stazione di Awara-Yunomachi
Circa 40 minuti

Awara Onsenmore

Awara Onsen

È il classico "villaggio termale", nonché il più importante, della provincia di Fukui.
Inaugurato nel 1883, grazie alla sua eleganza è altresì conosciuto come "il salotto di Kansai" e per la sua speciale atmosfera accogliente è da sempre prediletto da artisti e scrittori. Di tutta la regione di Hokuriku, le "terre settentrionali", è anche il più apprezzato per il clima romantico che trasuda da ogni angolo.

  • Estelle Loiseau

    Awara Onsen offre un tranquillo resort sul mare ma è anche una meta turistica. Abbiamo provato l’onsen dell’hotel per rilassarci dopo una lunga giornata turistica. Le acque qui aiutano contro i reumatismi e la dermatite.

  • Denis Medina

    Quel giorno ho soggiornato nel ryokan, la locanda giapponese, “Matsuya Sensen” che si trova a Awara Onsen.

Matuya Sensen

  • Estelle Loiseau

    Abbiamo cenato in hotel. Il personale ci ha riservato un angolino molto intimo con vista sulla rigogliosa vegetazione. Abbiamo potuto provare numerosi piatti della cucina giapponese grazie al menu kaiseiki: sashimi, granchio locale, pesce, shabu shabu...

    Facilmente accessibile dall’hotel, Yataimura Yukemuri Yokocho è una strada piena di piccoli ristoranti tipici giapponesi, come ramen o soba. Ciascuno stand può ospitare solo 10 persone. Giusto accanto a Yokocho, c’è una vasca in cui si possono lavare i piedi.

    L’hotel Matuya Sensen dispone di camere tradizionali giapponesi. Prima di accomodarci nella nostra stanza, abbiamo preso un tè di benvenuto nella sala da tè. Mi è piaciuta molto la stanza in stile giapponese con grandi spazi e i tatami sul pavimento. La stanza aveva anche un piccolo onsen sulla terrazza.

  • Denis Medina

    Nel ristorante di Matsuya Sensen, sia il cibo che il servizio sono stati di buon gusto. Piatti raffinati tra cui il famoso granchio regionale. Il personale sorridente ci ha fornito tutte le informazioni sui piatti che non conoscevamo. Non posso far altro che complimentarmi per il servizio.

    Un vicolo stretto con alcuni micro ristoranti raggruppati tra loro. Il posto è ben illuminato e si trova di fronte alla stazione di Awarayunomachi, dove è possibile gustare tipici piatti giapponesi a pressi modici.

    Il ryokan è molto grande, tutte le stanze sono arredate in stile giapponese e sono presenti dei famosi bagni termali naturali. Il ryokan mi è stato presentato in francese, poi mi sono goduto una tazza di tè matcha in una piccola stanza con un’atmosfera tradizionale. Ciascuna stanza dispone di un bagno termale sul balcone chiamato “Rotenburo”.

Terzo giorno

Matuya Sensen

  • Estelle Loiseau

    Mi è piaciuto molto visitare la città di Mikuni Minato e la sua via principale. La città ha prosperato per secoli come porto di scalo per le navi provenienti dal mare del Giappone. Con il suo reticolo di case e le residenza di mercanti e samurai, è facile immaginare la vivacità della città all’apice della sua storia. Vale la pena una visita alla bellissima case del mercante Kishina.

    Questo edificio rappresenta una risorsa culturale molto importante. Il ristorante è rinomato per i piatti a base di gamberi di acque profonde. Realizzato in stile giapponese con vista su un meraviglioso giardino, ho potuto degustare gamberetti in tempura con un piccolo uovo, il tutto servito in una ciotola di riso. Mi è piaciuta molto la delicata atmosfera di questo ristorante...

    Queste sono le rovine storiche della famiglia Ichijôdani Asakura che regnava nella regione Echizen. Questa era la mia prima visita a delle rovine in Giappone. Abbiamo scoperto parte di questo periodo storico grazie alle abitazioni restaurate dei samurai con pareti in terracotta, alle case dei mercanti, alle case a schiera, alla casa del proprietario e al negozio di un tintore.

  • Denis Medina

    Ho passato una giornata fantastica camminando in questa città tranquilla.
    Al mattino sono andato alla città di Mikuni. Ho visto la “vecchia banca Morita” costruita circa un secolo fa con standard occidentali, inoltre ho fatto una passeggiato negli stretti vicoli circostanti. Ho visitato un magazzino unico in cui sono conservate grandi navi da battaglia (alte 6 metri).

    Ho pranzato in un ristorante locale, “Uoshiro”, vicino al mare. Nelle nostalgica atmosfera dei tempi passati, vengono serviti deliziosi piatti a base di pesce e frutti di mare.

    Ho scoperto le rovine storiche della famiglia Ichijodani Asakura, un luogo ricco di storia. Non appena si varca l’entrata, si fa un balzo nel passato. Le abitazioni e i vicoli sono come erano in quel tempo, con l’aggiunta di personale che indossa dei costumi dell’epoca. Sia l’interno che l’esterno delle case sono stati sottoposti a lavori di ristrutturazione, in modo da poter offrire un’idea della vita a quel tempo.

Ferrovia Echizen Linea Mikuni Awara
Stazioni di Awara-Yunomachi --> Fukui
Circa 40 minuti

Autobus diretto della società Keifuku Eiheiji Liner
Uscita est della stazione JR di Fukui --> Eiheiji
Circa 30 minuti

Complesso del tempio Daihonzan Eiheijimore

DESTINAZIONI RACCOMANDATE

Complesso del tempio Daihonzan Eiheiji

Fondato nel 1244 come luogo di preparazione spirituale da Soto Zen, il fondatore della scuola Dogen Zenji, è costituito da oltre settanta edifici di piccole e grandi dimensioni il cui più grande, chiamato shichido garan, è un gruppo di ambienti inter collegati da corridoi ove si svolgono le sessioni quotidiane di meditazione. Vi è anche il museo Rurishobokaku, che espone svariati oggetti preziosi tra i quali i Fukan zazengi, i saggi Dogen Zenji per la pratica Zen oggi considerati tesoro nazionale.
Nel 2015 la Michelin Green Guide Japan ha conferito al luogo due stelle.

  • Estelle Loiseau

    Il tempio della pace eterna è uno dei due tempi principali di Soto Zen. Si trova in una posizione fantastica, sul versante di una montagna e circondato da cedri secolari. Shukubo, che significa dormire con i monaci, acquisisce il pieno significato qui: scoperta della vita quotidiana dei monaci, conoscenza della cucina vegetariana shojin ryori, partecipazione a riti religiosi al mattino molto presto e apprendimento dello zazen due volte al giorno. Una delle esperienze più significative in Giappone!

    La cena al tempio zazen è stata un’esperienza unica. Una grande opportunità per provare la cucina dei monaci: shojin ryori, un piatto puramente vegetariano. I pranzi sono ritualizzati nella cultura zazen. Devono svolgersi in silenzio. Inoltre, bisogna fare attenzione agli altri perché è necessario che tutti finiscano allo stesso tempo. Fortunatamente, un monaco del tempio ci ha spiegato tutto ciò in inglese.

    La stanza in cui ho dormito era molto grande. Non mi aspettavo tutti questi comfort: stanza grande, letto con futon, doccia e servizi igienici. Le terme si trovano nel piano interrato del sento. La colazione ci veniva servita in stanza. Abbiamo usato le stesse bacchette del giorno prima, proprio per non sprecare nulla e ovviamente in silenzio.

  • Denis Medina

    L’esperienza nel tempio Eiheiji è stata davvero unica. Semplicemente imponente, di una bellezza che raramente ho visto. Ma c’è molto di più. Questo luogo, un importante centro zen fondato da Dogen, un monaco giapponese del 13° secolo, mi ha consentito di vivere un’esperienza meditativa unica ripercorrendo la tradizione della scuola Soto (zen). Di mattina presto abbiamo assistito ad alcune preghiere nell’edificio principale, davvero impressionante quando tutti i monaci si sono riuniti.

    La cena nel monastero è un’esperienza insolita. Sono presenti due piccoli altari nella sala da pranzo per poter pregare e ringraziare gli dei per il pranzo, quindi abbiamo mangiato ad un ritmo simile in modo da terminare il pranzo più o meno allo stesso tempo. Ovviamente il pranzo si è svolto in assoluto silenzio.

    Abbiamo dormito su un tatami, un futon sul pavimento, che deve essere riposto al mattino e in seguito partecipare alla dura vita monastica. Ci sono bagni termali giapponesi tradizionali da condividere. I piatti sono vegetariani, bisogna mangiare in silenzio senza gettare via niente.

Quarto giorno

Complesso del tempio Daihonzan Eiheiji

Autobus Eiheiji Liner diretto della società Keifuku
Eiheiji --> Uscita est della stazione JR di Fukui
Circa 30 minuti

  • Estelle Loiseau

    Nel pittoresco giardino di Fukui, dove si trova l’ex casa della famiglia Matsudaira, c’è una sala da tè ristrutturata con vista sullo stagno da dove è possibile sedersi e contemplare l’immensità del giardino e delle sue molte carpe.

    Questo museo ripercorre la storia della città di Fukui, dalla preistoria al periodo post bellico, inclusa la distruzione di gran parte della città a seguito della seconda guerra mondiale e un terremoto molto forte. Al piano superiore è possibile osservare oggetti del periodo Edo e bellissimi costumi.

    Il ristorante Katsudon Yoroppaken, molto famoso nella regione, si trova a Fukui! Yoroppaken è aperto da più di 90 anni ed è un posto da non perdere se si sta visitando la regione. Nessun problema se non conosci il giapponese, il ristorante offre un menu in inglese con fotografie. Il Katsudon è una deliziosa cotoletta impanata di maiale servita su un letto di riso. La salsa usata per condire il maiale è squisita.

  • Denis Medina

    La storia del Yokokan risale al periodo Edo. Un posto di pace perfetto per riposare con tanti aceri di colore rosso in autunno. Inoltre, al centro del giardino c’è un piccolo stagno con delle pietre ben posizionate a rappresentare una versione in miniatura di un grande lago circondato da montagne.

    Il Museo municipale di storia locale di Fukui ripercorre la storia della città dalla preistoria fino al 20° secolo. Abbiamo visto i danni causati dai bombardamenti della seconda guerra mondiale e dal terremoto che si è verificato qualche mese dopo, durante la ricostruzione della città. C’è molto da imparare nei due piani del museo in merito al passato della città una volta dimora dei Daimyo Matsudaira, discendenti dei Tokugawa Ieyasu.

    Abbiamo pranzato in un ristorante giapponese di ispirazione europea. Un posto abbastanza popolare frequentato da uomini d’affari, turisti, studenti, ecc. Il piatto che ho scelto era molto buono ed era condito con la salsa segreta della casa.

Stazioni JR di Fukui--> Takefu
Circa 30 minuti

Autobus Fukutetsu della linea Nanetsu per Washinosato
Fermate Echizen Takefu --> Washinosato
Circa 30 minuti

Villaggio Echizen Washimore

Villaggio Echizen Washi

L'area di Imadate in cui il villaggio si trova risale a circa mille e cinquecento anni fa, ed è una delle poche ove ancora si produce la tradizionale carta giapponese (washi). Quella di Echizen è considerata della maggior qualità e tecnologia.
Sviluppandosi interamente lungo una via di duecento trenta metri circondata da una rigogliosa natura, permette di osservare da vicino le attività nei vari laboratori, alcuni dei quali offrono la possibilità di cimentarsi da sé nella realizzazione di questa carta tradizionale.

  • Estelle Loiseau

    La galleria Sugihara Washi ha aperto circa un anno fa in una bellissima posizione. L’obiettivo di questo commerciante di carta giapponese è di rivisitare la percezione di questa attività tradizionale. Utilizza la sua vasta esperienza di lavoro con la sua rete di artigiani e designer creativi per proporre usi e applicazioni sorprendenti: decorazioni per negozi di lusso, ristoranti, hotel, collaborazioni con artisti internazionali...

    Questo tempio è dedicato a Kawakami Gozen, la dea della carta. Si tratta di un luogo calmo e spirituale, circondato da cedri e ginkgo. L’edificio interamente in legno è intagliato con grande cura, ci sono bellissimi dettagli da vedere in questo tempio.

    Il Washi è un’attività molto popolare in Giappone, in particolare a Echizen. Da amante dell’artigianato, è stato un vero piacere capire come viene realizzata la carta giapponese presso il Museo della carta e dell’artigianato di Udatsu. Abbiamo anche provato a creare dei Washi e ci siamo subito resi conto di quanto fosse complicato, e di come la pratica e la ripetitività dei gesti fosse fondamentale per creare della carta eccezionale!

  • Denis Medina

    Siamo andati nella galleria di un famoso commerciante di Washi, Yoshinao SUGIHARA.
    Dopo la visita a questa splendida galleria, ci è stata offerta una tazza di tè e ci hanno spiegato questa attività e le creazioni realizzate per famosi acquirenti di tutto il mondo. È stato un immenso piacere ascoltare la storia, le creazioni e scoprire le origini del Washi, nato nel Giappone Echizen circa 1.500 anni fa.

    Il tempio Okamoto Shinto è un posto estremamente calmo e ben curato dove è possibile rilassarsi. L’accesso è rappresentato da un maestoso Torii dalla strada piccola, i pannelli dell’edificio principale sono decorati con meravigliose sculture, il muschio è presente ovunque e crea un’atmosfera molto piacevole.

    Dopo aver ricevuto una spiegazione completa sulla realizzazione della carta Washi, sono stato in grado di creare un foglio di carta utilizzando tecniche antiche. Gli utensili utilizzati per realizzare la carta sono molto semplici. Avrò anche imparato la tecnica per muovere le mani, ma la mia carta non era proprio perfetta.

Linea di autobus Fukutetsu Nanetsu per Echizen Takefu
Washinosato --> Stazione di Echizen Takefu
Circa 30 minuti

Stazioni JR di Takefu --> Kanazawa
Circa 60 minuti

Stazione di Kanazawamore

Stazione di Kanazawa

Nel 2011 è stata considerata dalla rivista internazionale di viaggi Travel+Leisure tra le quattordici più belle stazioni ferroviarie al mondo. La sua prima peculiarità è la grande cupola sostenuta da imponenti colonne modellate sulla falsariga dei tamburi giapponesi utilizzati nelle arti tradizionali dello spettacolo. Ma sono molto belli anche gli interni decorati con manufatti dell'artigianato locale, che conferiscono al tutto l'atmosfera tipica di un museo.

JR Hokuriku Shinkansen Dettagli

  • Estelle Loiseau

    È sempre un immenso piacere viaggiare sui treni giapponesi. Da Thunderbird verso Kanazawa dalla città di Takefu nella prefettura di Fukui o a Hokuriku Shinkansen per tornare a Tokyo, il sevizio, i comfort e la puntualità sono ineccepibili.

  • Denis Medina

    Abbiamo preso il treno Thunderbird Express per Kanazawa e da lì il Hokuriku Shinkansen per Tokyo.
    I treni erano molto comodi e silenziosi, dotati di un vassoio integrato nel sedile, una presa elettrica e un porta valigie al di sopra. Ovviamente il treno era in orario.

La Stazione di Tokyomore

La Stazione di Tokyo

Nell'ottobre 2012 sono terminati i lavori di restauro e preservazione dello storico edificio lato Marunouchi della stazione più importante di Tokyo, che ne hanno ripristinato la tanto cara facciata a mattoni rossi, suo autentico simbolo, e valorizzato svariati particolari architettonici per riportarla all'aspetto di grandiosità di un secolo fa, quando fu costruita. Con l'occasione hanno riaperto i battenti la Tokyo Station Gallery e il Tokyo Station Hotel, quest'ultimo primo e unico a sorgere in un'opera considerata importante patrimonio culturale del Giappone, con gli interni realizzati in un sofisticato stile neo-classico europeo proprio per armonizzarli con gli esterni dell'edificio di Marunouchi.

  • Estelle Loiseau

    Questa programma mi ha mostrato ancora una volta che il Giappone è un paese molto ricco: dalla città di Tokyo al tempio incastonato nelle montagne, fino ad arrivare all’artigianato in tutte le sue forme della regione di Fukui, tutti luoghi molto vicini a Tokyo. Voglio condividere con la mia community tutto quello che ho visto durante questo viaggio.

  • Denis Medina

    Scoprire la regione di Fukui è stata un’esperienza memorabile. La gente era molto socievole, è stato divertente. Il servizio in stile giapponese è assolutamente unico e di qualità. Dato che ci cono ancora molti posti da visitare, vorrei davvero tornare in questa regione.
    Si può raggiungere in aereo o treno da Tokyo. Per coloro che vanno di fretta, l’aereo è il mezzo più veloce e consente di trascorrere più tempo sul posto. Per i possessori del JR PASS, sono necessarie meno di 4 ore ma con il vantaggio di arrivare direttamente in centro città.

LE RACCOMANDAZIONI DI ALTRI VIAGGIATORI

Il primo giorno a Tokyo mi ha permesso di riconnettermi con questa città che amo tanto. La regione di Fukui, a solo un’ora da Kanazawa, merita una visita per scoprire un’intera parte del Giappone tradizionale. Mi è piaciuto molto scoprire questa regione. L’organizzazione era perfetta!

Estelle Loiseau
Travel blogger
Risiede a
  • Hobby

    Architettura, arte, artigianato e cultura giapponesi

  • Numero di viaggi in Giappone

    4 volte o più

LE RACCOMANDAZIONI DI ALTRI VIAGGIATORI

Ero molto soddisfatto dell’organizzazione del tour e di tutte le persone incontrate durante il viaggio. Le visite selezionare sono state scelte con molta cura, e il tempo dedicato a ciascuna di essa era perfettamente bilanciato.
La finalità comune di tutte le visite, sia a Tokyo che a Fukui, era quella di presentare le principali attrazioni culturali di questi luoghi. Ogni visita è stata un’esperienza unica, coerente e varia in ogni suo aspetto.

Denis Medina
Scrittore
Risiede a Tokyo
Paese d'origine: Francia
  • Hobby

    Natura, storia e incontrare gente

  • Permanenza a Tokyo

    Ha vissuto in Giappone negli ultimi 5 anni

Altri itinerari raccomandati nella stessa area

Condividi questa pagina!

Mezzi di trasporto raccomandati

Itinerari panoramici raccomandati

Back to Top

COPYRIGHT © HOKURIKU & TOKYO ALL RIGHTS RESERVED.